Ciambelle senza patate sofficissime: le graffe napoletane del bar

 
Queste ciambelle sono così irresistibili che non potevo tenerle per me! E poi volevo usarle per ringraziare chi condivide le sue ricette, chi è felice di regalare un sorriso, chi quando prova qualcosa di buono vuol farla assaggiare alle persone a cui tiene. In questo caso voglio ringraziare Luigi, un amico e collega del mio papà, che ci ha tentato tramite facebook con le foto delle bellissime graffe preparate da sua moglie Annalisa, e che non ha esitato un attimo a inviarci una mail con la ricetta appena gliela abbiamo chiesta!
Vi riporto pari pari la ricetta come ce l'ha inviata lui al compleanno di mamma, aggiungendo alla fine le mie note e una raccomandazione: provatele, sono sofficissime!
Ancora grazie, Giggì, a te e ad Annalisa!
Signori e signore, ecco a voi...

Le graffe di Giggino (o meglio, di Annalisa ;-) )


Ingredienti (per una trentina di ciambelle, ma vi assicuro che finiranno!)
1 kg di farina (vedi note)
20 g di sale fino
30 g di zucchero semolato
500 ml di acqua o latte (meglio il latte)
50 g di lievito di birra (ma io lo dimezzo, aumentando i tempi di lievitazione)
100 g di burro
2 uova intere
Olio (io di semi di arachide) per friggere
Zucchero semolato e un cannella in polvere per servirle

Procedimento
Sciogliere il lievito e lo zucchero nel liquido scelto (acqua o latte), unire la farina e iniziare a impastare
Miscelare il sale con le uova e aggiungerli gradatamente all'impasto.
Quando l'impasto è quasi incordato, incorporare il burro in più volte, la pasta deve risultare tenera e asciutta.
Lasciare lievitare circa un'ora o comunque fino al raddoppio, poi spezzare l'impasto e realizzare le ciambelle. 

Far lievitare fino al raddoppio e friggere.
Buon appetito ed auguri alla Comandante della casa. Eh sì, pure alla ciurma.

Note:
Per profumare l'impasto potete aggiungere una scorza di arancia grattugiata o i semi di una bacca di vaniglia.
Nella ricetta non è specificato il tipo di farina, io ho usato metà farina manitoba e metà farina 00.
Le graffe prevedono due lievitazioni: una dell'impasto e l'altra delle ciambelline, nel complesso ci vogliono circa tre ore di lievitazione. In genere le impasto dopo colazione e le friggo prima di pranzo. 
La quantità di lievito può essere dimezzata, tenendo presente che in questo caso i tempi di lievitazione si allungheranno.
Dopo aver formato le ciambelle, le ho fatte lievitare su un foglio di carta forno, coperte da un canovaccio.
Per friggere ho usato l'olio di semi di arachidi, badate che non sia troppo caldo o le graffe scuriranno troppo prima di cuocersi dentro. Appena un lato è dorato girarle per far colorire l'altro, è sufficiente farlo una volta sola. 
Dopo averle fritte, lasciatele scolare sulla carta assorbente e, appena sono tiepide, mettetele una alla volta in un sacchetto di plastica con lo zucchero semolato scuotendolo per ricoprire le graffe di zucchero, in questo modo otterrete una copertura più uniforme. Io ho aggiunto un po' di cannella in polvere allo zucchero perché a mamma piacciono così e, credetemi, ci sta benissimo!
Sono buonissime e sofficissime appena fritte, ma restano speciali anche il giorno dopo, se le conservate in un sacchetto chiuso e le scaldate per un attimo al microonde. 
A voi sembrerà un dolce carnevalesco, ma a Napoli le graffe si mangiano tutto l’anno, ad esempio a colazione, al bar insieme a un buon caffè, ma anche nel resto della giornata. A Ischia le migliori sono quelle vendute da un ambulante in spiaggia al grido di "Graffiiii", quindi io le associo all'estate! 


42 commenti:

  1. Ciao che meraviglia! copio la ricetta e le provo, un abbraccio
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, fammi sapere se ti piacciono ;)

      Elimina
  2. che meraviglia!! le adoro queste frittelle...ne mangerei una subitissimo!!! grazie per averle condivise con noi tutti...un caro saluto,Peppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Peppe, ti avviso però: una tira l'altra!

      Elimina
  3. Ciao sono nuova qui e ti seguo con molto piacere! ti aspetto da me se ti va! ciaoo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tuo commento era finito nello spam, ma ora vengo a trovarti con piacere :))

      Elimina
  4. Ma grazie per questo prezioso regalo!! Una condivisione simile è davvero unica.. e che bontà cara!! Grazie di cuore e complimenti ad Annalisa e Giggì! :D SmuaccK!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely, è tutto merito loro: riferirò i complimenti ;)

      Elimina
  5. E a noi che ce ne importa che non è Carnevale !! meglio, siamo controtendenza..sarebbero ideali per colazione ma non sono mai riuscita a farle per colazione visto che uno dovrebbe alzarsi come minimo all 5 !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei provare a mettere meno lievito (usando tutta farina forte) per lasciarle a lievitare tutta la notte e friggerle per colazione... se la prova riesce ti faccio sapere!

      Elimina
  6. Piacere di conoscerti Valentine con questi golosissimi dolcetti, quanto mi piacciono, ti sono venuti una meraviglia!!!!! Mi unisco ai tuoi lettori; passa a trovarmi, un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Speedy, ho visto che spcci pasta madre: che bello!

      Elimina
  7. Bravo Giggino, brava Annalisa e brava tu!!! :D Sono fantastiche e mi piacciono soprattutto perché non hanno le patate nell'impasto... non che con le patate non siano buone ma ho difficoltà a digerirle... Sei stata bravissima, complimenti e un bacione! Buon weekend! :** P.s.: sono napoletana, sai? Mi hai ricordato un bar qui a Napoli che secondo me fa le graffe più buone del mondo... non ci vado da una vita! Devo rimediare! :D ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che eri napoletana, non rivelarmi dove abiti o prima o poi mi presenterò a casa tua a riscuotere una fetta dei bellissimi dolci che pubblichi :D
      Qual è il bar che fa le graffe più buone del mondo? Sono curiosa di assaggiarle!

      Elimina
    2. Qual'e' stu bar? Giggino e Annalisa.Saluti

      Elimina
  8. Hai ragione Vale, il piacere della cucina è soprattutto condividere :-D
    Grazie per queste ciambelline..devono essere deliziose :-P
    :-* cara e buon WE
    la zia Consu

    RispondiElimina
  9. Potrei dire il mio dolce preferito! ho origini napoletane e conosco perfettamente questo dolce... proprio un paio di mesi fa pubblicai la mia ricetta molto simile a questa a parte gli aromi che aggiungo ad infuso... mi sembra di sentirne il profumo.. complimenti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata a leggere la tua ricetta: è molto interessante il tuo metodo, lo proverò!

      Elimina
  10. Che bontà! Posso dire che sto sbavando? Vabbè, l'ho detto! :-) Complimenti Vale, sono favolose!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna, non sempre le ricette riescono al primo tentativo, con queste graffette ho proprio sballato ;)

      Elimina
  11. Altro che mangiarle solo a carnevale!!!!Ho subito copiato la ricetta ( che copiona,dirai tu).
    Grazie per la condivisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te: se le provi fammi sapere, mi farai contenta :))

      Elimina
  12. hai ragione, quando si inizia a pubblicare dolci è difficile smettere, ma queste ciambelle sono troppo deliziose, devo provare a farle, ti sono venute benissimo
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sabina, pensa che questo era il primo tentativo: è una ricetta di sicura riuscita :)
      un abbraccio!

      Elimina
  13. non smettere mai di pubblicare dolci come questiiii!!!! :*

    RispondiElimina
  14. Come vorrei trovarne domattina una a colazione. La settimana inzierebbe di sicuro meglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, come ti capisco, il lunedì ci vorrebbe davvero qualcosa di soffice e dolce per affrontare la settimana col piede giusto!

      Elimina
  15. C'è qualcosa di irresistibile nelle ciambelline coperte di zucchero e queste sembrano morbidissime *_*

    RispondiElimina
  16. Ciao
    sono diventata una tua nuova lettrice e ti seguo dalla Sardegna.Anche da noi, per il carnevale si fanno questo tipo di ciambelle e vengono chiamate "Fatti Fritti", e mi assoccio con te nel dire che sono buoni in tutti i periodi dell'anno!
    Se ti fa piacere, vieni a visitare il mio blog, dove troverai un premio per te!
    Ti aspetto
    Cristy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, grazie! Sei gentilissima, corro subito da te :))

      Elimina
  17. Ma che buone queste ciambellineeee
    Carino il tuo blog ci son belle ricette complimenti ;)
    mi unisco subito ai tuoi lettori fissi!

    Un abbraccio
    Alessandro
    fancyfactorylab.blogspot.it

    p.s. passa pure da me e fammi sapere che ne pensi ;) baci

    RispondiElimina
  18. Bellissime queste graffe :D Quanti ricordi nella cucina di mamma!!!

    Complimenti per il blog, mi sono unito ai tuoi lettori! Ciao!

    Raffaele - ilcrudoeilcotto.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Raffaele, sei campano come me e i tuoi complimenti per le graffe valgono doppio :)

      Elimina
  19. sembrano ottime.....ora li provo a fare!!!!!speriamo bene baci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...