La cassata siciliana al forno

La cassata siciliana al forno

Oggi vi coccolo con la ricetta di uno di quei dolci che vanno assolutamente provati una volta nella vita: la cassata siciliana al forno!
Io adoro il suo guscio frolla che racchiude un ripieno cremosissimo di ricotta di pecora e reso ancora più goloso dal cioccolato e, da sempre, la preferisco a quella classica. 
Da anni preparo la cassata al forno secondo la ricetta che un cuoco siciliano ha regalato a papà in uno dei suoi viaggi. La ricetta originale ha subito diverse modifiche grazie a ricette lette in rete e assaggi di altre cassate, ma ormai a Pasqua e a Natale non manca mai sulla nostra tavola!
Fondamentale è l'uso di un'ottima ricotta di pecora, è questa la vera garanzia per un dolce che ha così pochi ingredienti.

Cassata siciliana al forno
La cassata siciliana al forno
Ingredienti (per due stampi tondi da 20 cm di diametro)

Per la pasta frolla

500 g di farina 00

150 g di strutto

150 g di zucchero

1 cucchiaio di marsala

1 cucchiaio di marmellata di arance

1 uovo

7 g di ammoniaca per dolci

La scorza grattugiata di un limone

Un pizzico di sale


Per il ripieno
800 g di ricotta freschissima (preferibilmente di pecora)

300 g di zucchero (ma può essere aumentato fino a 400 g)

150 g di cioccolato fondente tritato o in gocce

In più:

Biscotti secchi o pezzetti di pan di spagna per separare pasta frolla e ripieno (facoltativi)

Zucchero a velo per spolverizzare 


Procedimento

Per la pasta frolla:
  • In una ciotola (o nella planetaria con il gancio K) unire la farina, la scorza di limone, lo zucchero, il sale e lo strutto. 
  • Mescolare fino ad ottenere uno sfarinato, quindi unire la marmellata e l’ammoniaca sciolta nel marsala. 
  • Appena il composto è omogeneo, unire l’uovo, impastare velocemente e formare una palla, avvolgerla nella pellicola e riporla in frigo per almeno un’ora.

Per il ripieno:
  • Mettere la ricotta in un colapasta (eventualmente rivestito con un telo) e riporla in frigorifero per almeno 12 ore, in modo da ottenere una ricotta molto asciutta. 
  • Passare la ricotta al setaccio e unire lo zucchero, mescolare con cura e riporre in frigorifero per almeno 24 ore, alla fine deve risultare una crema soda e lucida. 
  • Aggiungere il cioccolato spezzettato.
Composizione:

  • Imburrare gli stampi.
  • Stendere la pasta frolla su un piano infarinato o tra due fogli di carta forno, fino allo spessore di mezzo centimetro.
  • Ricoprire lo stampo con la pasta frolla, lasciandola ricadere all’esterno, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta e ricoprirlo con i biscotti sbriciolati o pezzetti di pandispagna. 
  • Riempire con la crema di ricotta, spolverizzarla con altri biscotti e coprire il tutto con un altro strato di pasta frolla. Passare il mattarello sui bordi dello stampo, in modo da ritagliare l’eccesso di pasta frolla e contemporaneamente sigillare. Bucherellare anche la parte superiore della cassata.

  • Infornare a 180° per circa 45 minuti. La Cassata è pronta quando la superficie ha un bel colore dorato chiaro. 
  • Lasciarla raffreddare per circa 20 minuti e poi sformarla capovolgendola delicatamente su un vassoio. Farla raffreddare e spolverarla con lo zucchero a velo.

Note
Il passaggio della ricotta al setaccio e le 24 ore di riposo servono a rendere il ripieno una crema, molto diversa dalla semplice unione di zucchero e ricotta. Passare la ricotta al setaccio è noioso, potete abbreviare usando il frullatore a immersione, ma non sarà la stessa cosa.
L’aggiunta di marmellata nell’impasto aiuta ad ottenere una frolla friabile e dorata.
La cassata è un dolce antico: la preparazione originale è con lo strutto, può essere sostituito col burro, ma si perde in friabilità e profumo.
Io preferisco il cioccolato tritato alle gocce già pronte, per ottenere una crema “pulita“, ho separato i pezzetti dalla polvere di cioccolato che si crea tritandolo a mano e l’ho conservata per usarla in altri dolci :)
I biscotti sbriciolati o il pandispagna tra frolla e ripiena servono ad assorbire l’umidità residua della ricotta, l'ultima volta ho messo i biscotti in una sola delle cassate che ho preparato e non ho notato grosse differenze (forse anche perché la cassata senza biscotti è sparita nelle prime 24 ore :) ).
Lasciare riposare per almeno 24 ore per far assestare gli ingredienti. La cassata si conserva per diversi giorni, per sicurezza dopo le prime 24 ore io la tengo in frigo, ma la tiro fuori almeno mezzora prima di servirla.

30 commenti:

  1. Accidenti che periodo intenso ti aspetta O_O!!! In bocca al lupo per tutto e questo dolce sono sicura che ti darà la giusta carica :-D
    Buon fine settimana <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie zia, crepi il lupastro!
      intanto faccio il pieno di dolci e dolcezza qui a casa ;)

      Elimina
  2. caspiterina che delizia!!!!!dalle foto sembra una vera bonta', complimenti e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è uno dei miei dolci preferiti, grazie Maria!
      buona domenica anche a te!

      Elimina
  3. E' bellissima!!!!!!
    Vorrei tanto una fetta...che delizia!!!!
    Complimenti!!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Rika ^^
      anche se solo virtuale, te ne offro con piacere una megafetta!

      Elimina
  4. Valentina deve essere buonissima questa cassata e poi ha un aspetto delizioso! buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, i dolci siciliani sono una garanzia!

      Elimina
  5. Se penso alle isole, mi viene una voglia incredibile di mare e vacanze! Già mi vedo su una piccola terrazza in un paese bianco con finestre colorate a gustarmi un dolce come questo, felice, beata e lontana da tutto...
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me le isole sono luogo di estate e relax. oggi sono tornata a ischia e sono stata al mare, entrare nell'acqua gelida è stato stupendo... peccato ci voglia ancora un bel po' per le vacanze!

      Elimina
  6. Oh mamma che vedono i miei occhi. La adoro!
    Già mi immagino gustare questa cassata mentre col pensiero volo alle varie isole..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo in due , Paola :)
      ma tu non dovevi venire a Ischia?

      Elimina
  7. In bocca al lupo per tutti i tuoi impegni!
    Davvero bella la torta, complimenti! ;)

    RispondiElimina
  8. complimenti è stupenda e sicuramente buonissima!!
    anche io vorrei essere un po' fra le isole e Ischia è quella che vorrei proprio ora. Chissà magari vengo a trovarti :)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiiiiiiiiii, sperando che non mi becchi mentre sono sull'isola sbagliata! ;)

      Elimina
  9. Risposte
    1. i dolci siciliani sono una vera delizia!

      Elimina
  10. Mamma mia che buona!Mi piacerebbe tanto poter trovar qui la ricotta fresca per farla...

    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la ricotta buona è fondamentale per questo dolce, ma tu lassù sforni comunque meraviglie :)

      Elimina
  11. Valentine che splendore questa cassata.. voglio farti i complimenti per le spiegazioni e i dettagli accurati che hai dato... devi sapere che la cassata al forno è una specialità che si fa anche a casa mia, la ricetta ci è stata data da un pasticciere amico e trovo tantissimi punti in comune con la tua! eccezionale confermo... di solito noi la mangiamo a Natale oppure a Pasqua... vederla adesso così bella e golosa a luglio è una vera tentazione...
    In bocca al lupo per tutto e un caro abbraccio:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, i tuoi complimenti sono preziosissimi per me perchè adoro il tuo blog, le tue ricette e i tuoi passo-passo!
      Anche a casa mia a Natale e Pasqua è d'obbligo, ma ogni tanto un'eccezione golosa ci sta ;)

      Elimina
  12. Mi piaci, mi piaci tanto. Da siciliana, la tua cassata al forno è una meraviglia meravigliosissima. Ti posso dire che sei bravissima e che i tuoi piatti hanno una delicatezza splendida? Certo, te lo dico forte e chiaro. :) Fantastica, davvero davvero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmela, che onore mi fai! Quando pubblico una ricetta della tradizione ho sempre un po' di timore, ma con questo commento mi hai reso felice! Grazie di cuore :)

      Elimina
  13. l'ho provata, la consistenza è ottima, ma ci sento il sapore dell'ammoniaca.......on capisco il perchè...............la uso per i biscotti , ma non si sente...............non capisco.............tu che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty! Grazie per averla provata :)
      Non mi è mai capitato il residuo di sapore di ammoniaca, nè con la cassata nè con i biscotti. L'unica cosa che mi viene in mente è che forse la frolla aveva bisogno di cuocere un altro po', in modo che l'ammoniaca evaporasse tutta, pensi possa essere questo?

      Elimina
    2. ciao, e grazie per avermi risposto, comunque la cottura era perfetta.........ho usato 660g d'impasto per una teglia da 24 di diametro............inoltre ho dovuto aggiungere un'altro uovo(che mi trovavo rotto), e anche altro marsala, perchè l'impasto era durissimo.........ti è mai capitato..............la farina usata era quella 00 con crostata dell'eurospin...........

      Elimina
    3. l'ho rifatta, ed aggiunto in più 1 cucchiaio di marsala e 40g di latte...........deve venire morbida?

      Elimina
  14. Non parlarmi di Ischia perchè dovevo andarci lo scorso weekend per un matrimonio ma la febbre mi ha bloccata e sono dovuta rimanere a casa, buuuuuu! Ma mi rifarò... se non altro per mangiare tanti dolci tipici buonissimi! E tu ne sai qualcosa di dolci buonissimi, perchè la cassata al forno è una vera delizia... il ripieno è così invitante, a volte mangerei solo quello... :P

    RispondiElimina
  15. guarda cosa mi ero fatta sfuggire..........acquolinaaaa!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...