Croccantini al cioccolato per le calze della Befana



Benritrovati! Com’è iniziato il nuovo anno? Qui in dolcezza :) così ho deciso di regalarne un po’ anche a voi! Avete mai sentito parlare dei croccantini di San Marco dei Cavoti? Noooo? Allora dobbiamo assolutamente rimediare: questo paesino in provincia di Benevento è famoso per il torrone e i croccantini “Bacio” ricoperti di cioccolato ne sono l’esempio più noto. Il torrone di Benevento, noto sin dal tempo dei Romani, rappresenta il simbolo del Sannio e del suo popolo laborioso, è espressione di artigianalità e genuinità. Esistono tante varianti dei croccantini, io ve ne propongo una versione semplicissima, profumata alla cannella, e perfetta per arricchire le vostre calze della Befana :)
Vi do un solo consiglio: regalateli o finirete per mangiarli tutti in un lampo perché uno tira l’altro!
Croccantini alle mandorle ricoperti di cioccolato
Ingredienti (per due piccole scatole di latta piene di croccantini, circa 30)
280 g di mandorle sgusciate (ma non pelate, vedi note)
20 g di nocciole sgusciate e tostate
240 g di zucchero semolato
50 g di miele millefiori
40 g di glucosio
1 cucchiaino di cannella in polvere
300 g di cioccolato fondente (vedi note) (per ricoprirne circa 2/3)
Procedimento
Per i croccantini:
Passare al mixer mandorle e nocciole, senza ridurle in polvere, ma lasciando anche qualche pezzetto più grosso. Nel frattempo porre in un pentolino lo zucchero e porre il pentolino sul fuoco a fiamma bassa, senza mescolare. Quando lo zucchero inizia a sciogliersi unire il miele a filo, il glucosio e la cannella. Girare con un cucchiaio di legno per evitare che il composto si attacchi e si bruci. A questo punto lo zucchero cristallizzerà, bisogna aspettare con pazienza che lo zucchero e il miele si sciolgano completamente assumendo un bel colore dorato, prima di versare nella pentola le mandorle e le nocciole tritate. Mescolare bene con il cucchiaio di legno e, quando sarà tutto ben amalgamato, versare il composto su un foglio di carta da forno. Livellare il croccante posando un altro foglio di carta da forno e schiacciando con un mattarello fino a raggiungere lo spessore di circa mezzo centimetro. Tagliare il croccante quando è ancora caldo in pezzi rettangolari con i lati di 2 e 7 centimetri oppure ricavando delle figure a piacere, magari natalizie, utilizzando degli stampini. E’ importante tagliare il croccante quando è ancora tiepido, in modo da non sbriciolarlo e da riuscire a correggere le figure con le mani. Nel caso dovesse raffreddarsi troppo e risultare difficile da tagliare o sbriciolarsi, è sufficiente mettere la sfoglia di croccante coperta dalla carta forno in forno non troppo caldo (intorno ai 100°C) per qualche minuto. Far raffreddare bene prima di ricoprire di cioccolato (se riposa per una notte è meglio).
Per la copertura:
Per ottenere una copertura perfetta dei torroncini e un aspetto lucido e setoso, è necessario temperare il cioccolato usando un cioccolato di copertura, molto ricco di burro di cacao (31% minimo) o un buon cioccolato fondente (al 70% di cacao), controllando la temperatura con un termometro a sonda.
Tritare il cioccolato fondente con coltello e scioglierne a bagnomaria o al microonde 200 grammi di cioccolato fino a far velare il cucchiaio, facendo attenzione a non superare i 50 °C. Allontanare il cioccolato dalla fonte di calore e unire il cioccolato restante, in modo da far abbassare la temperatura. Mescolare continuamente per far sciogliere tutto il cioccolato. Quando il cioccolato inizia a colare a filo dal cucchiaio e raggiunge la temperatura di 31-32°C, è alla temperatura ottimale per ricoprire i croccantini. Usando una pinza da cucina, o due forchette, immergere i croccanti nel cioccolato ancora caldo e farli asciugare su un foglio di carta da forno. Non toccarli per almeno un’ora, quindi conservarli in una scatola di latta. Si conservano a lungo, ma in genere spariscono molto velocemente ;)
Note
Se non gradite la pellicina delle mandorle, potete eliminarla scottandole per pochi minuti in acqua bollente, saà quindi facilissimo spellarle. Una volta pulite, dovrete tostarle disponendole in un solo strato in una teglia e infornandola in forno precedentemente riscaldato a 200°C per 5-6 minuti. Una volta tostate, vanno fatte raffreddare prima di tritarle.
Se non avete il glucosio, potete tranquillamente usare 90 g di miele.
I croccantini sono buonissimi anche senza copertura: noi ne abbiamo fatti fuori un terzo del totale in due giorni, perché non avevo avuto tempo di ricoprirli subito!
Si possono realizzare dei croccanti ricoperti anche con il cioccolato bianco (per il temperaggio del cioccolato bianco, la temperatura deve essere di 2°C inferiore rispetto a quella del cioccolato fondente), oppure in parte bianchi ed in parte neri, o si potrebbero operare delle decorazioni con il cioccolato bianco sul croccante nero e viceversa, ma io li preferisco decisamente fondenti.
Per la copertura ho descritto il procedimento completo, ma per i croccantini che vedete in foto non ho effettuato il temperaggio perché avevo da consumare il cioccolato delle ceste di Natale che aveva un percentuale di cacao troppo bassa. In questi casi, si può aggiungere del burro di cacao al cioccolato, ma non ne avevo.
Se non avete il termometro, potete regolarvi con la temperatura corporea, ma non preoccupatevi, alla peggio otterrete dei croccantini opachi, ma saranno comunque buonissimi!
Questi dolcetti sono naturalmente gluten-free, senza uova, senza burro, senza lattosio e, se omettete il miele diventano anche vegan!

20 commenti:

  1. Da inserire immediatamente nella lista delle cose da fare, anche se purtroppo non sarà troppo presto che se no qua non passo più dalla porta... invitantissimi!!! :D

    RispondiElimina
  2. ti adoro, cercavo questa ricetta da anni <3

    RispondiElimina
  3. Li conosco bene e sono davvero deliziosi! Non ho mai provato a farli in casa ma la tua ricetta mi sembra molto affidabile :)
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  4. oh che spettacolo! anch'io appendo la calza... dici che mi arrivi per caso una cosina sfiziosa come questa? mmm..
    baciotti

    RispondiElimina
  5. Wauuuu che gola mi fanno !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  6. Cosa mi fai vedere!!! Ho appena finito quelli che mi sono portata dall'Italia, li divoro ogni anno in quantità industriale...e ora posso farli io???? Grazie!

    RispondiElimina
  7. Sembrano davvero deliziosi..iniziare l'anno in dolcezza e soprattutto in loro compagnia è il massimo!!!!
    Buon proseguimento e che il 2014 avveri ogni tuo desiderio <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  8. Si può tenere appesa una calza tutto l'anno... piena piena di bontà che fanno cronc?! Io dico di sì... :-)

    RispondiElimina
  9. Complimenti! Sembrano buonissimi e sicuramente da provare :-)

    RispondiElimina
  10. Sono Bellissimi...talmente belli che a guardarli direi "troppo complicati per farli io". Invece la tua spiegazione me li fa sembrare raggiungibili...sento quasi cric-crac sotto i denti!!!Buon anno carissima, sono proprio contenta di avert incontratai!!

    RispondiElimina
  11. Sono semplicemente meravigliosi! Mi piacciono moltissimo!
    Un bacione

    RispondiElimina
  12. Oh mamma, Vale, io li adoro questi croccantini qui. Mio padre me ne porta sempre una scatola e finiscono in un lampo. Con questa ricetta posso farmeli da sola e mi sa che ci proverò :)

    RispondiElimina
  13. Ah, a proposito. Buon 2014 :D

    RispondiElimina
  14. bellissimi davvero...felice anno nuovo e ancora complimenti!

    RispondiElimina
  15. Bellissimi ma sai che compro sempre quelli di San marco dei cavoti? troppo buoni ed i tuoi sono identici.
    Un abbraccio grande Vale

    RispondiElimina
  16. mmmm..che bonta'! ti sono venuti anche molto bene! non li ho mai sentiti....li voglio anche io nella calza!!! auguri..hi.hi.hi

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia e che deliziosa scatolina, buon anno!
    Cri

    RispondiElimina
  18. Non ci posso credere Vale!!
    ne sto mangiano uno ora, in questo momento!!
    è arrivato mio padre dal lavoro e mi ha detto : assaggia questo croccantino" buonissimo che mi ha portato un collega da Benevento!
    Mordo, una delizia.
    Lo guardo e dico: ma io questi li ho già visti!!! e mi sono ricordata del tuo post di cui avevo visto l'anteprima su bloglovin ma che non avevo avuto ancora il tempo di leggere!
    PAZZESCOOOOOOO
    che buoni!!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. Befana o non befana...questi s'han da fare ! Sai che me ne hanno regalato una scatola per Natale ? Beh...a Natale non ci son nemmeno arrivati perchè ce li siam fatti fuori tutti in due giorni. Si, hai ragione, uno tira l'altro !

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...