Mediterraneo: hummus di ceci


Sono attratta dai sapori degli altri Paesi che affacciano sul nostro mare. I loro cibi sono fratelli dei nostri, eppure diversi. Gli stessi ingredienti di base assumono un sapore diverso grazie alle spezie che caratterizzano in modo inconfondibile la gastronomia dei Paesi d’origine. Il Medioriente ha per me un grosso fascino, è da sempre un crocevia di popoli diversi e leggendo i libri di Yehoshua e Grossman me ne sono innamorata, così ho iniziato a cercare di scoprire i suoi piatti… Di che sapranno falafel, pita, hummus? Appena vedo un ristorante libanese o israeliano, mi ci fiondo e mi perdo nei loro profumi. Ho assaggiato l’hummus in un ristorante israeliano nel Nach Markt di Vienna ed è stato amore al primo assaggio! Non riuscivo a trovare la tahine e ho tentato di farla da me pestando i semini di sesamo col mortaio (sì, dovrei comprare un buon frullatore, lo so), ma da quando l’ho trovata, sono hummusdipendente :) Per farlo sono partita dalla ricetta di Ottolenghi, una garanzia in fatto di cucina mediorientale, ho provato la versione Jasmine, quella di Stefania e alla fine sono giunta alla mia versione! Voi l’avete mai assaggiato? Fatelo e non lo abbandonerete più!  È ottimo con la classica pita, col pane, ma anche come “pinzimonio” per tante verdure fresche e croccanti (delizioso con le carote)!


Hummus di ceci
 


Ingredienti

220 g di ceci lessati da voi (è decisamente più buono! Ma se non li avete, usate pure quelli in scatola)

2 cucchiai rasi di tahine (pasta di semi di sesamo, se avete un buon frullatore potete farla voi)

Il succo di mezzo limone

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

½ spicchio d’aglio

Acqua di cottura dei ceci q.b.

Sale q.b.

Paprica, prezzemolo e olio evo per guarnire


Procedimento

Parte noiosa: togliere le bucce dai ceci.

Mettere i ceci nel frullatore e frullarli fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungere la tahine, l’olio e il succo di limone, frullare ancora per amalgamare il tutto e assaggiare per valutare se è necessario aggiungere sale. Il risultato deve essere una crema densa, ma “spalmabile”, se fosse troppo duro aggiungere un po’ di acqua di cottura dei ceci.

Mettere l’hummus in un piatto non troppo profondo e aggiungere un filo d’olio, una spolverata di paprica e il prezzemolo tritato grossolanamente. Servirlo come antipasto accompagnato da pita, pane o verdure crude! Immancabile nella pita con i falafel!



Note

I ceci per l’hummus andrebbero cotti molto bene, fino a renderli morbidi, ma io non li ho mai fatti solo per l’hummus e mi sono regolata come sempre per la cottura. Ottolenghi suggerisce un procedimento particolare per la cottura dei ceci per l'hummus, ma non l'ho mai sperimentato.

La parte noiosa è indispensabile se volete ottenere una crema vellutata dalla giusta, ma se vi sentite pigri e non andate troppo per il sottile, potete saltarla :) lo stesso risultato si ottiene anche passando i ceci al passaverdure col setaccio fine, ma trovo sia ancora più noioso :P

Se non riuscite a trovare la tahine potete prepararla frullando i semi di sesamo scaldati in padella (senza tostarli altrimenti diventano amari!).

La quantità di tahine, aglio e di limone può essere regolata in base ai propri gusti. Jasmine per questa dose di ceci consiglia tre cucchiai di tahine, due spicchi e il succo di un limone intero, ma per il palato di casa mia era troppo strong :)

L’hummus si conserva in frigorifero, in una ciotola sigillata con la pellicola alimentare per un paio di giorni, ma va servito a temperatura ambiente, quindi tiratelo fuori dal frigo in anticipo e dategli una bella mescolata perché in frigo tende a indurire un po’.

26 commenti:

  1. ciao! non ho mai mangiato l'hummus ma nei miei libri di ricette etniche l'ho visto ^_^ anche a me piacciono i cibi degli altri paesi :)complimenti sia per il piatto che per le foto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fragolina! se apprezzi i ceci, non esitare e provalo: ti conquisterà :)

      Elimina
  2. Io adoro l'hummus e me lo faccio spesso in casa, come ho dei ceci che avanzano finiscono sempre dritti dritti in questa preparazione! Ho provato a farlo anche con i piselli ed è libidinoso anche così!
    Il tuo deve essere super e concordo nel servirlo con le carote ^_* Te lo dico sempre che con i nostri gusti non possiamo che andare d'accordo :-D
    Buona serata
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avevo visto il tuo hummus di piselli, ma nel periodo dei piselli non avevo ancora la tahine: la prossima primavera lo assaggerò di certo :D
      Consu, quando la organizziamo questa cenetta? Andremmo davvero d'accordissimo :)

      Elimina
  3. ormai posso dire di aver mangiato più hummus che panzanella, quasi! non ci credo che non lo conoscessi ancora! :)
    hai tutto il tempo per recuperare, e provare tutte le innumerevoli varianti che esistono! ..io la pellicina non la tolgo mai, e mi è sempre venuto bene, anche se probabilmente però non so come sia la variante senza :)
    ..ah. un consiglio non richiesto! io il tahin lo faccio in casa spesso in casa, e sempre tostando prima i semi, senza chiaramente farli scurire troppo, e li frullo da soli finchè non diventano una crema, così non aggiungo nessun altro tipo di olio! un po' amaro deve essere, ma lo è eccessivamente solo se li bruci! ok, dopo questo commento odioso da maestrina so-tutto-io non mi sopporto più da sola! :D la foto è bella e sa tanto di Grecia :) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .."lo faccio in casa spesso in casa" -.-" pardon!

      Elimina
    2. in realtà lo conoscevo, ma non l'avevo mai assaggiato :(
      aggiungo le tue dritte su pellicina e tahine nel post: grazie!! io ho un frullatore scemissimo e quando ho provato a frullare il sesamo ho ottenuto pessimi risultati, ma magari un giorno ne comprerò uno nuovo e potrò prepararmela da me :))
      le foto raccontano la mia voglia di mare, sono felice che si veda :)

      Elimina
  4. Mare, blu, estate, voglia di conoscere-assaporare-imparare-respirare mondi e sapori nuovi...
    Una ricetta che porta altrove e fa venire voglia di viaggiare, con pause lunghe a cena e scambio di segreti culinari con chi è del posto... :-) Io adoro la paprica, anche per come tinge di rosso i piatti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri post di oggi hanno lo stesso blu di sfondo e la stessa voglia di vacanza :) mi piace questa sintonia a distanza!
      Non vedo l'ora di leggere i tuoi racconti di viaggio, buona vacanza, cara!

      Elimina
  5. Che meraviglia il tuo hummus..anch'io non l'ho mai preparato,mi hai fatto venire voglia di mettermi in cucina alle 7.30 del mattino :D le foto sono meravigliose...dovremmo fare una sessione fotografica di cibo insieme!Che bel buongiorno che mi hai dato :) curiosità: il tahin si trova nei negozi bio? Ho paura che il mio frullatore ed il tuo siano parenti stretti ;) un abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marzia, mi piacerebbe tanto fare sessioni di foto in compagnia!
      La tahin si trova nei negozi bio e in quelli etnici, ma anche nei super ben forniti!
      Un bacione

      Elimina
  6. E' buonissimo l'hummus e anche molto versatile!
    Carinissime le foto!
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  7. Ah Vale, stesso amore e stessa passione per me, il bacino del mediterraneo è una fonte continua di spunti, idee, suggestioni! Adoro l'hummus e come te lo mangio con le verdure croccanti a pinzimonio....un must, d'estate poi più che mai!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri gusti vanno spesso a braccetto e anche le nostre sensazioni, che bello :)
      Un bacio Robicara*

      Elimina
  8. Io adoro i ceci, insieme alle lenticchie sono i miei legumi preferiti. È da tanto che voglio provare l’hummus, che sia la volta buona :) Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. abbiamo gli stessi legumi preferiti, allora!
      provalo, se ti piacciono i ceci lo adorerai :D
      buon weekend a te, Fede!

      Elimina
  9. Lasciatemi da sola con una terrina di hummus, solo questo chiedo (beh, magari anche qualche falafel)! Buonissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, ecco, l'accoppiata è davvero di quelle con cui mi farei del male: impossibile resistere :)
      Benvenuta Giulietta!

      Elimina
  10. L'hummus è stupendo accompagnato da un bel pezzo di pita...e il pranzo, la cena, lo spuntino di mezzanotte e ma, si dai, anche la colazione...è fatta!!!
    Si capisce che mi piace???
    A presto,
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a colazione non l'ho ancora provato, ma nelle altre varianti sì, ormai è una costante dei miei aperitivi ;)

      Elimina
  11. Assolutamente da provare! foto bellissima!!!!rende l'idea del mare mediterraneo che io adoro!!!! se passi da me c'e' una surprise!baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Annalisa, corro subito a vedere :)

      Elimina
  12. Cara Valentine, vado matta per l'hummus e adoro sperimentare i diversi sapori! Adoro anche il tuo blog e perciò ho deciso di unirmi ai tuoi lettori fissi, così non ti perdo più!
    Quando vuoi, se ti va, passa da me, ti offrirò un bicchiere di Karkadè fresco :-D Ti aspetto volentieri!! Annalisa lacucinadellaportaccanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, e benvenuta!
      Corro subito da te: non ho mai provato il Karkadè, ma con questo caldo mi ci cuole proprio ;)

      Elimina
  13. CIAO Valentine! Spero ti sia piaciuto il mio Karkadè virtuale! E' l'infuso dell'ibisco, molto buono da bere freddo, d'estate ;-9
    Grazie per essere passata nella mia cucina; i fiori sono una piccolissima parte del blog, ma ciò che predomina, è appunto la cucina! Non perdiamoci di vista mi raccomando! Un abbraccio. Annalisa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...