Giappone, fiori e biscotti…


Il mio 2013 è iniziato in modo strano, catapultandomi dall’altra parte del mondo. Sono stata a Tokyo per tre settimane in totale e, anche se ho trascorso quasi tutto il tempo in laboratorio, ho avuto modo di perdermi nella magia di questo paese lontano…
Sono tornata con scorte di miso, soba, spezie e tè, se avessi dovuto preparare il piatto che più associo al periodo lì, avrei dovuto presentare una ciotola di zuppa di miso e una di riso in bianco! Non che abbia mangiato solo quello, anzi, se siete curiosi posto qualche foto dei miei pasti orientali, ma miso&riso sono onnipresenti, vengono serviti a colazione come a cena e sono il vero pilastro dell’alimentazione nel paese del Sol Levante!
Eppure, per partecipare al contest I cook International, organizzato da Ale per festeggiare il suo primo compliblog, non ho avuto dubbi e ho scelto di preparare dei biscotti, dei piccoli fiori, aromatizzati al tè matcha, perché?
Perché ho visto parchi pieni di ciliegi innevati e li ho immaginati pieni di fiori. Fiori che spingono i giapponesi nei parchi perché  annunciano la primavera .
Perché nella bellezza dei sakura, i fiori di ciliegio, rivedo quella delle donne giapponesi in kimono e la loro grazia, la loro delicatezza, che mi è sembrata perfetta ed irraggiungibile.
Perché quando di sera tornavamo in albergo e ci perdevamo nei meandri dell’immensa stazione di Hikebukuro della metropolitana, più di una volta siamo stati salvati dall’odore dei biscotti sfornati da un negozietto che si trovava nel corridoio corrispondente alla nostra uscita che, anche quando ero distrutta dal lavoro e dal jet-lag, mi guidava nella direzione giusta.
Ed infine perché uno dei ricordi più belli delle ore trascorse lì in laboratorio è legato al tè matcha, a un pomeriggio trascorso a parlare di tradizione con un anziano ricercatore, Tsuno... Il giorno dopo Tsuno è arrivato in laboratorio con uno strano pennello di bambù, un contenitore intarsiato e una tazza. Al rientro dal pranzo con gli altri, mi ha chiamato da parte e mi ha mostrato come si prepara il pregiato tè matcha, spiegandomi che va bevuto con la schiumetta, accompagnato da un dolcino perché è amaro. Tsuno mii ha offerto la tazza restando a guardarmi, poi ha mangiato con me dei biscottini delicati e mi ha regalato un po’ di quella polvere verde piena di storia.
  

Ho visto i biscottini al matcha da Elisa e, anche se la ricetta che ho usato è diversa,  è lei che devo ringraziare per avermi fatto venire voglia di rifarli. Il risultato sono dei biscotti dal tenue colore verdino, croccanti grazie allo zucchero che li ricopre, e con un retrogusto delicato che mi ha riportato a Tokyo.
Tsuno San, questi biscotti sono per te…

Biscotti al tè matcha


Ingredienti (per circa 30 biscottini)
70 g di farina 00
33 g di zucchero semolato extrafine
33 g di burro
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaio di tè matcha
Zucchero semolato per la copertura

 

Procedimento
In una ciotola mescolare lo zucchero con il tè matcha, unire quindi il burro tagliato a pezzetti e la farina. Strofinare gli ingredienti con le mani fino ad intridere tutta la farina con il burro, quindi aggiungere il tuorlo d’uovo e impastare brevemente senza scaldare troppo l’impasto. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigo a riposare per almeno 30 minuti.
Preriscaldare il forno (in modalità statica) a 180°. Stendere la pasta frolla tra due fogli di pellicola, dare la forma preferita con dei tagliabiscotti, passarli nello zuccheor semolato e disporli su una teglia coperta di carta forno. Infornare a 180° fino a che non saranno leggermente colorati, il tempo dipende molto dalle dimensioni, nel mio caso ci sono voluti tra i 5 e i 10 minuti.




Note
Reimpastare gli scarti e stenderli nuovamente, se la pasta frolla si fosse scaldata troppo, porla nuovamente in frigo a raffreddare.
Per motivi di organizzazione forno, dopo aver ricavato i biscotti, li ho rimessi in frigo fino al momento di infornare.
Appena sfornati i biscotti sono morbidi, ma induriscono raffreddandosi: fate attenzione a non cuocerli troppo.
Se non avete il tè matcha, potete aromatizzarli con la vaniglia, la scorza grattugiata di arance e limoni, la cannella o le spezie che preferite. Sono biscottini croccanti e burrosi, stanno bene con tutto.
Io li ho mangiati accompagnati da un tè verde giapponese :-)

28 commenti:

  1. Tokyo...che bella esperienza, caspita ! Mi incuriosiscono questi biscotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, il giappone è una terra tanto diversa dalla nostra e questa esperienza mi ha arricchito tanto :)

      Elimina
  2. Questo thè mi ha sempre incuriosita..i tuoi biscottini sono deliziosi..chissà che profumino :-P
    Brava cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Consu :)
      il matcha ha un sapore particolare, ma secondo me almeno una volta nella vita va provato ;)

      Elimina
  3. Immagino che l'esperienza a Tokyo ti abbia regalato tanto... non ci sono mai stata è un luogo che guardo ancora da lontano e con tanta ammirazione... chissà un giorno se avrò l'opportunità di andarci.. per il momento mi godo i tuoi biscotti ... il tè matcha è una di quelle spezie che non riesco a trovare in giro... mi sa che devo cercare in posti più specializzati perchè questi biscottini sono imperdibili... brava Valentine:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di riuscire a visitarla, un giorno, anche io spero di tornarci, il Giappone è così ricco di tradizioni diversissime dalle nostre che si rimane stupiti in continuazione...
      Il matcha secondo me si trova soltanto nei negozi specializzati in tè, ma da quel che dice Francesca un po' più giù è carissimo! Però, una volta nella vita va provato ;)

      Elimina
  4. Carini e sicuramente buonissimi!!

    RispondiElimina
  5. Che coincidenza! Oggi sono entrata in un negozio che vende tè e volevo proprio il matcha dopo aver visto varie ricette (volevo provarlo con la panna cotta) ma aimè, non sapevo fosse così costoso... 40 grammi costavano 18 euro e non l'ho preso...
    Allora, per consolarmi, mi mangio un tuo biscotto... posso? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai: è un furto! Anche se devo ammettere che anche in Giappone è piuttosto caro, è un tè da occasioni speciali.
      Se torno a Tokyo ne farò scorte per me e per te così facciamo uno scambio di dolcini :D
      L'idea della pannacotta mi sembra fantastica, lì ho provato il milkshake, i dolci di riso e anche il gelato al matcha (il mio capo mi guardava sempre molto perplesso quando ordinavo quelle cose così verdi), ma la pannacotta se la sognano...

      Elimina
  6. Semplicemente grazie.
    P.S. Non conosco il tè matcha ma i tuoi biscottini mi piacciono.

    RispondiElimina
  7. Ma che bei biscottini cara Valentine...ma la ricetta è internazionale o inventata da te? fammi sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione Ale, forse dovevo dare qualche spiegazione in più :)
      i dolci tradizionali giapponesi sono a base di matcha o di fagioli azuki, i biscotti al matcha sono molto diffusi sia in giappone che in cina (in effetti io li ho mangiati per la prima volta in cina). a tokyo li vendono tutte le bakery giapponesi, compresa quella che mi faceva svenire tutte le sere in metropoliana :D ma li vendono anche confezionati ( http://img.21food.com/20110609/product/1305054087703.jpg http://morethanjustcooking.com/2010/06/17/sanritsu-matcha-cookies/ )
      per la ricetta ho fatto un mix di varie ricette trovate in rete, spero che possa andar bene :)
      a presto ^_^

      Elimina
    2. ok, capito...perdonami ma conosco poco la pasticceria giapponese! inserisco subito!

      Elimina
    3. grazie della partecipazione!

      Elimina
    4. Ale figurati, è colpa mia che sono stata poco chiara! Grazie a te per questo bel contest!

      Elimina
  8. Ciao Vale :) Mi piacerebbe tanto visitare Tokyo... deve essere bellissima <3 Questi biscottini sono deliziosi, quanto ne vorrei uno adesso! :D Complimenti e un forte abbraccio, buona giornata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tokyo è una città incredibile, anche spero di poterci tornare con più tempo libero per visitarla meglio...
      Buon weekend, cara!

      Elimina
  9. Ciao Valentine,
    che bello il tuo blog :) complimenti anche per questi bellissimi e gustosi biscottini!
    Mi sono unita come tua lettrice da poterti seguire sempre :).
    Se ti va ti aspetto nel mio blog!

    A presto Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, grazie :) vengo subito a fare un giro da te!

      Elimina
  10. Anche io vorrei delle scorte di tea!! :)
    Se passi da me trovi un pensiero per te e per il tuo bellissimo blog http://legolosecreazionidiluana.blogspot.it/2013/04/buon-compleanno-nonna-e-premio.html
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luana, grazieeeee! Sei stata carinissima a pensare a me!

      Elimina
  11. ciao Valentine ,complimenti mi piacciono molto sei sempre bravissima...ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tu sei sempre gentilissima, grazie :*

      Elimina
  12. Dimmi una cosa...ma il matcha è in foglie o in polvere?
    L'ho sempre visot in foglie e mi chiedo come fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. polvere: la cerimonia del tè prevede l'utilizzo del matcha e la particolarità sta proprio nel fatto che non è un'infusione, ma una sospensione, si consuma la polvere di tè insieme all'acqua. Tsuno tra tè e dolcetti mi ha anche raccontato la storia della cerimonia, ma, tra il mio inglese e il suo, non è che mi sia tutto chiarissimo...
      il tè verde "classico" invece viene sia in polvere che in foglie :)

      Elimina
  13. Ed ecco qui i fiorellini! Grazie di avermi citata nel tuo post ;)
    Però il tuo post mannaggia mi fa un'invidia che non ti dico!! :P Il Giappone è il luogo che vorrei visitare subito, anche domani, ma mi sa che dovrò aspettare ancora qualche anno per realizzare il mio sogno...intanto mi son gustata il tuo racconto e i tuoi biscottini ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...