(S)fortuna?


Non so bene da dove iniziare, questo è un periodo molto impegnativo e stressante per me, il blog si sente un po' trascurato perchè non ho il tempo di postare nulla, nè di lasciare un segno del mio passaggio nei miei blog preferiti. Eppure, proprio questo blog nato da poco e per gioco mi sta facendo tante sorprese: sembra voglia compensare il periodo no e convincermi a scrivere e mostrarvi ancora quello che esce dalla mia cucina :)
Per oggi ci è riuscito, o meglio, ci siete riusciti voi, che passate da qui e mi incoraggiate e mi strappate sorrisi anche quando in laboratorio non c'è un solo chip che funziona :)
Per ringraziarvi vi offro un piatto semplice semplice, ma in fondo cosa c'è di meglio che intingere un pezzetto di pane in un sugo saporito?

Calamari in umido


Ingredienti (per 3 persone)
4 calamari (circa 800 g prima di pulirli)
300 ml di salsa di pomodoro (già salata e ristretta in padella con olio e aglio) oppure 5 o 6 pomodorini
1 ciuffo di prezzemolo
2 cucchiai di olive nere
1 cucchiaio di capperi
¼ di bicchiere di vino bianco
1 spicchio d’aglio
1 peperoncino
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
Sale q.b.


Procedimento 
La parte più lunga della preparazione è la pulizia dei calamari. Per prima cosa, staccare i tentacoli dal corpo. Asportare le interiora, facendo pressione sul corpo per estrarre tutto quello che c’è all'interno ed estrarre dalla sacca anche la penna cartilaginosa e trasparente. Eliminare poi la pelle che ricopre la sacca e le pinne laterali. Infine, pulire la testa dei calamari: con un coltello tagliare appena al di sotto degli occhi, gettare la parte sovrastante e tenere i tentacoli. Eliminare quindi dai tentacoli la parte dura a forma di becco posta al loro centro. Una volta terminata la pulizia, lavare sacche e tentacoli sotto l'acqua corrente.  
Tagliare i calamari a rondelle di circa 2 cm di spessore e dividere in due i tentacoli. 
Ricoprire il fondo di una padella antiaderente (io ho usato un wok) con l'olio e farvi rosolare aglio e peperoncino. Quindi aggiungere i calamari e coprire la padella con un coperchio. Quando i calamari si sono ristretti, togliere il coperchio e lasciar evaporare l’acqua rilasciata dai calamari, quindi sfumare con un po’ di vino. Appena il vino è evaporato, aggiungere capperi, olive, prezzemolo e sugo (o pomodori tagliati a metà e salati) e lasciar insaporire per qualche minuto. A fine cottura assaggiare e valutare se è necessario aggiustare di sale.


Note
Se avete dei pomodorini saporiti, vi consiglio di usare quelli.
Il sugo dei calamari in umido è ottimo per condire la pasta, ma è ancora meglio per intingere una bella fetta di pane cafone cotto nel forno a legna.
Il prezzemolo andrebbe aggiunto dopo la cottura, ma a casa mia crudo non piace a nessuno. 
So che queste foto hanno colori strani, ma ho provato ad usare la nuova reflex del mio fidanzato ed ho clamorosamente sbagliato il bilanciamento del bianco! Però questi calamaretti meritano davvero e questa foto che ha scattato mia sorella mentre "preparavo il set" mi piaceva troppo, quindi non sgridatemi troppo :P
 

32 commenti:

  1. Tesoro..io ci farei la firma a fare delle foto così ^.^
    Non preoccuparti con questa ricetta 6 riuscita a perdonare la tua latitanza :-D
    Mi piace il pesce e + semplice viene cucinato e + lo apprezzo :-P
    Ti auguro un WE all'insegna del relax..mi sembra di capire che ne hai un gran bisogno :-D
    A presto :-*
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) sei troppo buona Consu!
      il sabato l'ho passato in cucina, ma domani mi riposo, buona domenica anche a te :**

      Elimina
  2. davvero complimenti perchè il tuo piatto è davvero squisito e cucinare cose così quando si è giù di morale aiuta davvero tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Eli, oggi tra biscottini e torte mi sono ripresa un po' ;)

      Elimina
  3. Valentine quando le cose sono fatte con amore e passione si vede e si sente anche se ci sono momenti di assenza dovuti agli impegni... questi calamari ne sono l'esempio.. un piatto che a me piace tantissimo, io uso sia passata sia pomodori freschi a seconda della stagione... davvero ottimi! Se ti può consolare anche io sono in lotta con il bilanciamento del bianco :D ma in tutta sincerità a me questo foto piacciono molto:* bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona! Il bilanciamento del bianco resterà sempre un gran mistero per me, ma sapere che ci combatti anche tu che fai foto stupende mi consola un po' :)
      Un bacio!

      Elimina
  4. Eccoti di nuovo, sono contenta... :-)
    Sai che ho la stessa cocotte? Ehehehe, ma devo ancora usarla e fotografarla!
    Stare dietro al blog oltre a tutte le cose che abbiamo da fare non è facile, io lo prendo come una pillola per il buonumore, quando voglio staccare e perdermi nei colori, nel cibo e nelle parole...
    Ah, dimenticavo: viva i calamari, sia ad anelli, come i tuoi, sia ripieni! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fatto di cocotte abbiamo proprio gli stessi gusti :D
      Che buoni i calamari ripieni, me ne hai fatto venire voglia!
      A presto, cara Francesca, e ancora grazie per le ventate di colori e buonumore che porti sempre con te

      Elimina
  5. Capitano momenti no e a risentirne spesso sono proprio le cose che ci piaccion di più. Spero passi in fretta questo periodo no e intanto prendo una delle tue cocottine. I colori? Non ti preoccupare. Io le trovo magnifiche. Hanno una che di favolistico.. Non saprei spiegarti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)) è la stessa impressione che danno anche a me, grazie Paola!

      Elimina
  6. Valentine, mi hai fatto sorridere con la storia della reflex e del bilanciamento del bianco :D
    Ci hai provato a fare brutte foto, ma queste rendono benissimo la bontà del piatto che, non ci crederai, non preparo quasi mai nonostante i calamari piacciano a tutti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho imparato a preparare i calamari dalla mia mamma: erano spesso la cena del venerdì perchè nessuna delle sue tre bimbe faceva storie (come invece accadeva col pesce) :D

      Elimina
  7. Questo piatto nella sua semplicità è fantastico, capitano a tutti i periodi "NO" ma tu mi raccomando non mollare e continua a postare ricettine, sono molto gradite :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna cucinare è terapeutico e i vostri commenti ancora di più: non mollo! :)

      Elimina
  8. il blog per me è come una casetta sull'albero...quando a terra tutto va storto io salgo tra i rami, tiro su la scaletta e per un po' faccio qualcosa di bello, colorato, (anche infantile forse). Ho degli amici speciali lassù...che parlano la mia stessa lingua fatta di foto, contest e coccottine...Quando scendo ho più energia, e voglia di affrontare le storture della realtà...
    spero sia così anche per te
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai descritto bene quello che provo in questo "mondo", grazie Betulla. un abbraccio forte anche a te

      Elimina
  9. Che profumino esce dalla tua cucina, deliziosi questi calamaretti!!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Valentine, ricambio volentieri la visita, questi calamari sono gustosi e saporiti, brava!!! Ti seguo con piacere!!!
    A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely, è un piacere averti qui :))

      Elimina
  11. Le cose fatte con passione fanno bene allo spirito e ci aiutano nei momenti un po' così! Dai, che presto andrà meglio! ;)
    Deliziosi i tuoi calamri!
    un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione :) grazie Emanuela!

      Elimina
  12. uhmmm che famina!!!!
    giro subito la ricetta al mio fidanzato che è anche il cuoco di casa :)

    a presto!

    RispondiElimina
  13. ciao Valentine, questi calamari sono strepitosi, complimenti mi piace anche la presentazione...un abbraccio .

    RispondiElimina
  14. Un piatto bellissimo che profuma di sole e di mare!!
    e lo apprezzo ancora di più oggi che qui (a Roma) piove!
    su con la vita: la felicità è nelle piccole cose, il blog è una di queste :)
    un abbraccio
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il blog mi aiuta molto in questo strano periodo :) e cucinare cose allegre ancora di più!
      grazie delle tue parole, Francy...
      un bacio

      Elimina
  15. Anche epr me non è un periodo facilissimo ma vedrai che passerà e presto andrà meglio :) E questo angolino può essere un po' come un rifugio per lasciarsi alle spalle pensieri e preoccupazioni, almeno per un momento. Gustosissimi i tuoi calamari, mi piacciono un sacco cucinati così. E poi finire con una bella scarpetta :D! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrocio le dita per entrambe ;)
      Grazie Fede e buona weekend a te, un abbraccio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...